Info

Backdoor podcast

Tutto quello che c'è dietro al basket
RSS Feed
Backdoor podcast
2019
July
June
May
April
March
February
January


2018
December
November
October
September
July
June
May
April
March
February
January


2017
December
November
October
September
August
July
June
May
April
March
February
January


2016
December
November
October
September
August
June
May
April
March
February
January


2015
December
November
October


All Episodes
Archives
Now displaying: January, 2016
Jan 27, 2016

In questa puntata partiamo dagli albori della carriera di uno dei migliori assistenti allenatore in circolazione, facendoci raccontare del suo viaggio formativo in America per seguire calibri come Bobby Knight o Jim Boheim.
Dopo il tempo passato a imparare da questi santoni è tornato in Italia e Caja lo ha voluto all'Olimpia come assistente. Da lì la sua ascesa è stata costante, la sua passione crescente e ora è l'unico punto fermo delle mille rivoluzioni milanesi, nonché pietra miliare della nazionale azzurra che si giocherà le olimpiadi la prossima estate.

Jan 19, 2016

L'ospite della quattordicesima puntata è Alessandro Mamoli ora giornalista di basket a Sky Sport, ma che nel suo passato ha un esordio in Serie A con la maglia del Philips Milano nel 1991, quando c'erano Dawkins, Pitts e Rogers.
In panchina c'era Mike D'Antoni che in un allenamento in cui ha dato spettacolo si complimenta con "Good Deejay". perché lo chiamasse così ce lo spiega lui, assieme alle Final Four Ncaa del 2003 vissute, come lui stesso ha detto, da "kamikaze". Ora è un giornalista e vive il basket con la stessa passione, ma emozioni differenti.

Jan 13, 2016

Con Francesco Carotti, direttore generale dell'area Roma, andiamo ad analizzare la situazione nel basket della capitale e il racconto di due dei nostri migliori talenti.
Prima Gigi Datome attraversando la sua carriera, le sue decisioni e il suo modo di essere un esempio dentro e fuori dal campo, con tutte le caratteristiche che lo hanno reso un'icona del basket italiano.
Nella seconda parte è il momento di Alessandro Gentile, della sua forza e delle sue contraddizioni che lo rendono un ragazzo unico e una persona "vera", oltre che un giocatore simbolo di Milano e dell'Italia.

1